Home / Altri Comuni / 2009: incidenti stradali in calo

2009: incidenti stradali in calo

incidente.jpg

Il Comitato di monitoraggio per la sicurezza stradale presieduto dall’on. Raffaele Costa si è riunito in Provincia venerdì 8 gennaio. All’incontro hanno partecipato rappresentanti di Comuni ed enti locali, oltre ad esponenti di forze dell’ordine ed associazioni operanti sul territorio. Erano, inoltre, presenti il vice presidente della Provincia Giuseppe Rossetto e gli assessori provinciali alle Politiche giovanili Giuseppe Lauria ed ai Trasporti Roberto Russo.
Al centro della riunione dati sull’incidentalità e ipotesi di soluzione «ad un problema che – come ha dichiarato Costa nella relazione introduttiva – presenta, da decenni, aspetti drammatici. In dieci anni sono morte lungo le nostre strade circa 1.000 persone: non è trascorso un solo mese, dal 2000 al 2009, senza decessi. Soltanto nell’ultimo anno vi sono stati tre mesi, esattamente febbraio, settembre e novembre, con una sola vittima. I feriti in 10 anni sono stati 30.000 nella sola provincia Granda. Quali indicazioni da questi dati? Una soprattutto: che le infrastrutture stradali hanno un’importanza rilevantissima, per quanto concerne la sicurezza. Ci siamo impegnati in un’attività continua lungo le strade (3.500 km di provinciali) realizzando 173 rotonde antisinistri. Ma vorrei anche ricordare le centinaia di contatti con le scuole, gli incontri con le famiglie, con gli sportivi, con i bambini delle elementari e perfino degli asili, con gli operatori del settore, con gli esponenti del mondo cattolico, con le forze dell’ordine, con esponenti del Governo e del Parlamento ai quali abbiamo chiesto risorse (in parte ottenute) ed adeguate disposizioni affiancate a quelle che hanno comportato un aumento di forze dell’ordine lungo le nostre strade».
Tra gli indirizzi di azione suggeriti dai componenti del Comitato ci sono prevenzione e repressione dei comportamenti scorretti su strada, educazione a livello scolastico e familiare, monitoraggio sullo stato di realizzazione delle grandi opere infrastrutturali, incentivazione del volontariato nel settore della pubblica assistenza, potenziamento del trasporto pubblico, istituzione dell’accesso graduale alla patente per i giovani e della guida accompagnata per un numero maggiore di chilometri, potenziamento ed estensione dei progetti di sensibilizzazione. Le forze dell’ordine hanno inoltre avanzato osservazioni interessanti in merito ai sistemi di controllo ancora da migliorare.
L’assessore Lauria si è dichiarato contrario a titolo personale all’ipotesi di finanziamento con fondi pubblici di un sistema di trasporto diretto alle discoteche: «è un’idea (propugnata soprattutto dal consigliere Francesco Toselli, ndr) che veicola, a mio parere, un messaggio negativo. I giovani meritano prospettive culturali e premianti». Il comitato si è concluso con un minuto di silenzio in memoria della prima vittima del 2010, una 19enne che ha perso la vita a Bra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *