Home / Savigliano / Il “furbetto del vaccino” non c’è oppure non parla

Il “furbetto del vaccino” non c’è oppure non parla

SAVIGLIANO. Su ventidue persone, solo sette hanno deciso di «fare outing» come ha detto il consigliere Piergiorgio Rubiolo. La maggior parte del Consiglio comunale (foto di repertorio) ha scelto di non rivelare, invocando il rispetto della privacy, se si fosse già vaccinata o meno contro il Covid.
Dunque, il fatto se ci sia o meno un “furbetto saltafila” nel Palazzo comunale, com’era stato ventilato nelle settimane scorse da alcuni personaggi politici della nostra città (l’ex consigliere civico Tommaso Gioffreda e l’attivista “grillino” Nicola Clerici), resta un mistero.
Coloro che lunedì sera, nel Consiglio comunale on-line, hanno scelto di esporsi pubblicamente hanno dichiarato tutti di non essersi ancora vaccinati. Anzi, alcuni consiglieri hanno affermato di esser già stati chiamati, ma di aver lasciato spazio a persone più anziane o fragili.
Dalla maggioranza sono arrivate dure critiche per questa “caccia alle streghe”: «Non ci si deve basare sui pettegolezzi. Se qualcuno sa qualcosa di preciso, vada in Procura e denunci».
I particolari sul numero in edicola stamattina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *