Home / Savigliano / Medico saviglianese non fa più parte dell’unità di crisi

Medico saviglianese non fa più parte dell’unità di crisi

Paolo Vineis, 69 anni, abese, epidemiologo di fama internazionale, è il responsabile della nuova “area di supporto alla Pianificazione strategica” dell’Unità di crisi della Regione Piemonte. Lo hanno annunciato il commissario Vincenzo Coccolo e l’assessore regionale alla Sanità, Luigi Icardi, allargando il novero delle competenze necessarie a gestire la nuova fase dell’emergenza coronavirus in Piemonte. L’organigramma dell’Unità di crisi comprende inoltre il Coordinamento regionale dell’area di psichiatria, rappresentato da Massimo Rosa (Asl To4), e il Coordinamento regionale dell’Area di psicologia, affidato a Giancarlo Marenco. Elide Azzan (Asl di Novara) ha invece assunto il ruolo di vicario del coordinatore sanitario dell’Unità di crisi Flavio Boraso (ex direttore sanitario, una decina di anni fa, all’Asl 17 di Savigliano), nonché quello di coordinatore della nuova area di collegamento con il 118, il cui responsabile, il medico saviglianese Mario Raviolo, non fa più parte dell’Unità di crisi (nella foto di qualche settimana fa, da sinistra, il governatore Cirio, il dottor Raviolo e l’assessore Icardi all’ospedale di Verduno).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *