Home / Altri Comuni / Di nuovo troppa gente in giro. Cirio: «Siamo in guerra, non capite?»

Di nuovo troppa gente in giro. Cirio: «Siamo in guerra, non capite?»

«Sono sinceramente molto preoccupato. Temo che molte persone non abbiano ancora capito che questa è una guerra e che in guerra si sta a casa». È quanto ha dichiarato poco fa il presidente della Regione, Alberto Cirio (foto), dopo una giornata in cui la gente ha ricominciato ad uscire senza vere necessità. E senza una ragione, dato che l’epidemia continua. Il governatore ha dunque firmato la proroga dell’ordinanza sulle misure di contenimento al Coronavirus valide su tutto il Piemonte fino al 13 aprile, in linea con il decreto del Governo. Le parole di Cirio in un video: CLICCA QUI.

In Piemonte restano valide tutte le restrizioni già previste nel testo precedente, ma sono presenti alcune novità che stringono ulteriormente le maglie del contenimento: vietata ogni attività sportiva all’aria aperta, salvo brevi uscite nei pressi della propria abitazione che sono consentite solo entro una distanza massima di 200 metri; estesa in modo specifico anche ai mercati la regola che vi si possa recare una sola persona per nucleo familiare, esattamente come già previsto per tutti gli altri esercizi commerciali; badanti e colf possono proseguire l’attività lavorativa solo in caso di assistenza necessaria per persone non autosufficienti o parzialmente autosufficienti. Insieme alla Prefettura la Regione sta inoltre valutando la possibilità di incrementare il regime sanzionatorio. La proposta del presidente Cirio è di raddoppiare il valore delle sanzioni su tutto il territorio piemontese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *