Home / Savigliano / Tra il 2017 e il 2018 in Piemonte il parco circolante di veicoli per trasporto merci è cresciuto dello 0,3%

Tra il 2017 e il 2018 in Piemonte il parco circolante di veicoli per trasporto merci è cresciuto dello 0,3%

Tra il 2017 e il 2018 in Piemonte il parco circolante di veicoli per trasporto merci è cresciuto dello 0,3%, passando da 357.733 a 358.907 unità. Il numero di autobus in circolazione nel 2018 è aumentato dell’1,6% rispetto al 2017, attestandosi a quota 6.157 unità. Questi dati sono stati elaborati dal Centro Ricerche Continental Autocarro sulla base dei dati diffusi da Aci. A livello provinciale nel settore degli autobus ad aumentare sono i dati di Torino (+5,1%), Vercelli (+0,9%) e Novara (+0,7%), mentre nelle restanti province è stato registrato un calo: Alessandria -9,7%, Verbano-Cusio-Ossola -1,9%, Asti -0,3%, Biella -0,3%, Cuneo -0,1%. Nel comparto dei veicoli per il trasporto merci, invece, le province che fanno registrare dati positivi sono Cuneo e Novara (ex aequo con il +1,6%), Verbano-Cusio-Ossola (+1,1%), Asti (+0,7%) e Biella (+0,2%). Tre province riportano il segno meno: si tratta di Alessandria (-0,4%), Vercelli (-0,4%) e Torino (-0,3%). A livello nazionale tra il 2017 e il 2018 il parco circolante di veicoli per trasporto merci è cresciuto dell’1,5%, passando da 4.635.945 a 4.707.301 unità. Nello stesso periodo anche il parco circolante italiano di autobus è cresciuto, passando da 99.100 a 100.042 veicoli, con un aumento percentuale pari all’1%. “La crescita del parco circolante italiano di autobus e di veicoli per il trasporto merci – sottolinea Enrico Moncada, Business Unit Truck Replacement and Original Equipment Manager Continental Italia – è sintomio di una ripresa del settore dei trasporti su strada ed ha anche l’effetto positivo di consentire l’ingresso nel parco circolante di nuovi automezzi con dispositivi di sicurezza di gran lunga più efficaci e con livelli di emissioni di sostanze nocive molto minori rispetto ai vecchi mezzi. Oggi il settore dei trasporti su strada sta attraversando una fase di profondo cambiamento, con l’ingresso di nuovi player sul mercato e l’affermazione di modelli di business innovativi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *