Home / Savigliano / Tares, il brivido dell’estate

Tares, il brivido dell’estate

camion raccolta differenziata

SAVIGLIANO. Fa caldo, ma un brivido corre lunga la schiena di molti saviglianesi, specie dei commercianti. In questi giorni sono arrivate le cartelle per pagare la Tares, la nuova tassa per rifiuti e servizi. E per alcuni son dolori.
Già vedere le tabelle con le proiezioni sugli aumenti – diffuse nell’aprile scorso – aveva fatto saltare sulla sedia tanti contribuenti: quando si attendono aumenti del 100 o del 200% si sta di stucco. Ma quando poi ci si trova scritta la cifra da pagare, il brivido diventa febbre.
Accade così che le categorie più colpite, quasi tutte nel comparto del commercio, lancino un grido di allarme.
Per questo oggi, mercoledì 24 luglio, è già stata convocata una riunione – alle 15, presso la sede Ascom di via Mabellini – per valutare la situazione insieme al Comune. La patata bollente è nelle mani dell’assessore alle Finanze Gianpiero Piola e del suo collega all’Ambiente, Claudio Cussa. Proprio Piola riferisce che «sarà valutato caso per caso» per cercare di rendere meno gravosa la tassa.
Servizio a pagina 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *