Home / Savigliano / I Carabinieri scoprono sette alloggi a luci rosse a Savigliano

I Carabinieri scoprono sette alloggi a luci rosse a Savigliano

Tutti conosciamo il vicino della porta accanto oppure gli altri condòmini dello stabile nel quale abitiamo. Sarà vero?
La domanda è d’obbligo, dal momento che un’operazione dei Carabinieri del Comando provinciale di Cuneo, per contrastare il fenomeno del favoreggiamento e dello sfruttamento della prostituzione, ha tracciato una vera e propria mappa “a luci rosse” della Granda.
Ben 130 le case di appuntamento che i militari dell’Arma hanno scoperto in provincia: di queste, sette si trovano a Savigliano. In questa speciale classifica la nostra città è al terzo posto, preceduta da Cuneo (90 appartamenti), Alba e Bra (10 ciascuna). Sono dietro Saluzzo (6 alloggi), Mondovì e Borgo San Dalmazzo (5).
Dalle verifiche fatte si è potuto tracciare anche un identikit delle ragazze che vi “lavoravano”, dalla provenienza all’età.
Dalle indagini dell’Arma sono scaturititi alcuni provvedimenti riguardanti i permessi di soggiorno, oltre ad una completa verifica fiscale.
Servizio a pagina 4

Un commento

  1. Ma andassero a… Basta comprare gli affari per scoprire il giro invece che rompere i coglioni a chi va con le prostitute. che poi se una ragazza o un ragazzo si prostituisce in casa non vedo quale sia il problema, ognuno a casa propria fa che cazzo vuole, o secondo loro è meglio che si prostituiscono fuori con tutti i rischi?, almeno in casa propria sono più protette e sicure, quindi forze dell’ordine e governo italiano di falsità andate a…!!!

Rispondi a Francesco Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *