Home / Altri Comuni / Luogo di culto là dove c’era un night

Luogo di culto là dove c’era un night

sikh1.jpg

Fino a poco tempo fa il capannone di via Pascheretto, proprio di fronte al pilone votivo in onore della Vergine, era stato sede del night club del pornoattore Roberto Malone, chiuso in seguito ad irregolarità riscontrate dalle forze dell’ordine. Oggi, lo stesso edificio è diventato luogo di culto e centro di aggregazione degli indiani Sikh, in seguito agli accordi presi dai rappresentanti religiosi del gruppo con l’amministrazione comunale.Risale ad alcuni mesi fa il primo incontro fra il sindaco Pelissero ed il vicesindaco di Orbassano Rana Avtar Singh (con deleghe al personale, pari opportunità, famiglia, casa, assistenza, anziani e politiche sociali): Rana, a nome della comunità Sikh, aveva parlato agli amministratori dell’intenzione di “trasformare” il capannone di via Pascheretto in luogo di incontro per i numerosi indiani che lavorano in zona e che sono alla ricerca di un posto nel quale incontrarsi la domenica. Nessun disturbo alla quiete pubblica, ma semplicemente uno spazio dove custodire il libro sacro ed esercitare il proprio culto.Gli indiani Sikh hanno alle spalle una storia religiosa millenaria e, dagli inizi del XX secolo, la loro emigrazione dall’India ha assunto grandi proporzioni: oggi, fuori dall’India (dove rimangono 19 milioni di fedeli), vivono quasi un milione di Sikh. In Italia sono diverse migliaia e molti di loro vivono nel Cuneese, lavorando soprattutto nel settore agricolo e nell’industria lattiero-casearia.Come ci spiega Pelissero, l’amministrazione comunale ha valutato con attenzione la questione, interpellando anche il parroco don Efisio Edile, che si è dimostrato favorevole alla creazione del centro degli indiani Sikh. «La nostra unica pretesa – precisa il sindaco – è la convivenza civile fra le nostre due comunità». Ad inizio agosto i responsabili del luogo di culto Sikh hanno convocato sul posto Pelissero, il vigile Mondino ed il comandante della stazione dei Carabinieri Santoro, per annunciare che di lì a breve avrebbero dato ufficialmente il via alle loro attività domenicali. «Il Comune ha deciso di dire sì all’integrazione ed alla reciproca conoscenza, anche con serate informative sulla religione Sikh, che si svolgeranno presumibilmente in autunno» conclude il sindaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *