Home / Cavallermaggiore / Cavallermaggiore: problemi per i sensi unici

Cavallermaggiore: problemi per i sensi unici

senso.jpg

Sabato scorso, in mattinata, molte persone hanno espresso le loro lamentele verbalmente o con telefonate alla pubblica amministrazione, a causa di problemi legati alla circolazione stradale. Il nuovo Piano del traffico, infatti, è scattato cogliendo di sorpresa i cittadini. In alcune strade del centro, sulla destra e sulla sinistra di via Roma, sono stati inseriti dei sensi unici. Ciò si è verificato, ad esempio, in via Asilo, in via Turcotto, in via Siccardi, in via antiche Mura. La segnaletica a terra è stata cancellata e modificata già nella giornata di venerdì, ma senza cambiare i segnali stradali. In tal modo gli automobilisti sono rimasti “spiazzati”, dal momento che si trovavano di fronte indicazioni contraddittorie. A terra il senso unico sembrava avere una direzione, secondo i segnali verticali pareva essere nel senso opposto. Anche i nuovi parcheggi indicati a terra hanno suscitato, in alcuni casi, proteste per la loro collocazione.
«I sensi unici che abbiamo inserito – ha affermato il comandante della Polizia municipale Antonio Chiavazza – non sono altro che quelli previsti dal Piano del traffico approvato dalla Commissione tecnica, dalle associazioni di categoria e dal Consiglio comunale nell’aprile 2009. Ho organizzato quattro incontri informativi a cui erano presenti in tutto 17 persone. Alcuni protestano, ma non hanno partecipato. Non era possibile inserire tutta la segnaletica in modo concomitante. Ho fatto realizzare quella orizzontale per abituare la gente alla novità. In questo fine settimana sarà consegnata quella verticale: piazzeremo subito i segnali dopo aver predisposto l’ordinanza. Siamo comunque disposti ad esaminare i problemi, purché siano esposti in modo educato. Sono giunte anche lamentele – conclude Chiavazza – di persone che affermano di non riuscire ad uscire dal proprio portone a causa dei nuovi parcheggi; in alcuni casi, però, non avevano denunciato il passo carraio».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *