Home / Racconigi / Su internet minaccia una strage a scuola

Su internet minaccia una strage a scuola

ragazzo.jpg

È costata una denuncia per procurato allarme, punibile con l’arresto fino a sei mesi, la bravata di un sedicenne di Carmagnola, studente della seconda Itis dell’Istituto Eula di Racconigi.
Il giovane aveva preannunciato sul sito internet “Youtube” una strage per martedì 3 novembre all’interno della scuola superiore racconigese, con morti e feriti in quantità. Aveva poi iniziato a vantarsi dell’impresa tra i compagni di classe. Il messaggio è stato letto anche da alcuni genitori che, allarmati, hanno avvertito il preside dell’Eula, Paolo Cortese. Questi, preoccupato, ha avvertito i Carabinieri che hanno deciso di intervenire.
II giovane, raggiunto dai militari dell’Arma, ha ammesso le proprie responsabilità, dichiarando di avere agito per puro divertimento. Nella sua abitazione sono stati sequestrati la telecamera con cui erano state effettuate le riprese e la pistola giocattolo utilizzata nel video: una semiautomatica di plastica. È stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Torino per “procurato allarme”.
«Nonostante l’evento non abbia provocato conseguenze, se non una comprensibile preoccupazione di docenti e genitori – ha commentato il capitano Marco Campaldini, comandante della Compagnia dei Carabinieri di Savigliano –, appare evidente il condizionamento che i mezzi di comunicazione di massa possono causare in soggetti non ancora completamente formati, lanciando messaggi tutt’altro che positivi. In tale contesto è necessario riflettere, sensibilizzando adeguatamente i più giovani sull’importanza dei valori».
L’episodio ha fatto parlare parecchio in città nei giorni scorsi, dove il tam-tam popolare aveva diffuso le versioni più incontrollate e fantasiose. In realtà risalire all’autore del farneticante messaggio non è stato difficile, dal momento che sul sito era anche disponibile la fotografia, oltre che l’immagine travisata con sciarpa bianconera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *