Home / Savigliano / Carte di credito clonate

Carte di credito clonate

bancomat-pos.jpg

Quest’estate toccò ai bancomat. Negli ultimi mesi, invece, si è registrato un exploit delle clonazioni di carte di credito, usate poi illecitamente in Italia ed all’estero.
Da giugno ad oggi, infatti, i Comandi dell’Arma dei Carabinieri operanti in provincia hanno ricevuto circa 300 denunce per clonazioni on-line ovvero correlate ad acquisti presso esercizi commerciali. Le indagini – condotte dal Reparto Operativo di Cuneo, guidato dal Tenente Colonnello Mario Simeoni, e coordinate dalle competenti Procure di Cuneo, Alba e Saluzzo – hanno sino ad ora consentito di deferire in stato di libertà 25 persone, in tutta Italia, ritenute responsabili di ricettazione per aver usato le carte di credito in modo illecito per effettuare ricariche telefoniche, pagare fatture relative a forniture di servizi, acquistare biglietti di viaggio, ecc… per un valore complessivo di 10.000 euro circa. Tutte “card” precedentemente clonate ai danni di più persone residenti nella nostra provincia.
«Vogliamo allertare – ha detto Simeoni – tutti coloro che, in quanto esercenti pubblici ovvero titolari di carte di credito, potrebbero risultare potenzialmente vittime di questi raggiri. Senza voler creare inutili allarmismi, vogliamo fornire alcuni suggerimenti utili a scongiurare tale eventualità. Si possono individuare due diverse principali modalità di clonazione: a mezzo di apparecchi “Skimmer”, con appropriazione dei dati relativi alle carte a seguito di acquisti presso esercizi commerciali ovvero di prelievi bancomat; oppure tramite attività di “Phishing”, con sottrazione di dati personali, e quindi anche di quelli relativi appunto alle carte di credito, diretta o contestuale ad acquisti on-line.
Molto importante risulta altresì l’attività di controllo dei Pos (Point of sale: le macchinette dove si “striscia” la carta di credito, ndr), da parte dei relativi titolari, finalizzata a verificarne eventuali manomissioni».
Si ricorda che sul sito www.carabinieri.it è possibile accedere a tutte le informazioni su questi fenomeni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *